sabato 15 marzo 2014

... quello che c'è di buono in me

<< Cammino sul letto ad occhi chiusi, li apro, scelgo una frase: "... e io ricordo ancora la sensazione fisica di angoscia che mi riempiva, strisciando, per poi fossilizzarsi nel punto in cui, una volta, c'era la gioia di vivere. L'angoscia che tutto quello che c'è di buono in me non sarà mai dato a nessuno, e nessuno lo vorrà mai. Ma cosa c'è di buono in me?" >>
Che tu sia per me il Coltello

mercoledì 12 marzo 2014

Il mondo di DragonLance #2

Salve!
Come promesso qualche tempo fa, oggi vi parlo della prima trilogia della saga di DragonLance.

Le Cronache
Le Cronache sono la prima trilogia della saga di DragonLance, essa è composta dai libri: "I draghi del crepuscolo d'autunno", "I draghi della notte d'inverno" e "I draghi dell'alba di primavera".

Più riguardo a Dragonlance: Le CronacheTrama: Una compagnia di vecchi amici decide di riunirsi. Dopo ben 5 anni che non si vedono, Tanis, Flint, Tasslehoff, Sturm e i gemelli Caramon e Raistlin si incontrano una sera in una locanda per raccontarsi le novità degli ultimi anni e per discutere degli strani avvenimenti sul continente di Ansalon nell'ultimi tempi.
Qualcosa di malvagio si sta svegliando, ne sono prova i goblin e le altre creature del male che si vedono in giro. Ma cosa bisogna aspettarsi?
Mentre gli amici parlano, nella locanda arrivano due stranieri che portano con loro uno strano bastone...
Scoppia una rissa, i due stranieri si trovano in difficoltà, ma la compagnia di amici, scoprendo il motivo del viaggio degli stranieri, li salva e fuggono tutti insieme. Si ritroveranno così ad affrontare mille pericoli e avventure, cercando di contrastare il male che vuole distruggere il loro mondo.

Mio commento: Questa trilogia è un pilastro del fantasy moderno. Sia per i temi che per lo stile di scrittura molto semplice e scorrevole, è un libro che può essere letto a tutte l'età.
La storia di base è forse molto semplice: il mondo viene minacciato da qualcuno di malvagio e un gruppo di "eroi" si addossano, senza che nessuno glielo chieda esplicitamente, la responsabilità di salvare tutti e riportare la pace.
Ma se da un lato la storia sembra forse banale, leggendo si capisce che non lo è, basti pensare che da questa trilogia ha preso il via un intero universo, di cui un sacco di altri libri hanno approfondito qualche aspetto.
Tutta la bellezza della trilogia, a mio avviso, sta nei personaggi. Tutta la storia si fonda su di loro, sui loro pensieri, le loro emozioni, la loro forza di volontà che li spinge a combattere.
Essi sono dei personaggi molto moderni, complessi tanto quando i legami che stringono e che li portano a stare insieme e a contare uno su l'altro.
Alcuni personaggi in particolare sono più complessi e profondi di altri, pieni di emozioni, passioni, ironia e contraddizioni, e meritano davvero un posto d'onore tra i personaggi più belli e appassionanti di tutto l'universo fantasy.
Non vi dirò ora altro, riservando altre mie osservazioni per la recensione della seconda trilogia "Le leggende", in cui i personaggi di questo libro ritornano per scavare sempre più a fondo nelle loro emozioni, nei loro desideri e passioni, coinvolgendo il lettore in nuove appassionanti avventure.
Aggiungo solo che è un libro stupendo e coinvolgente e fin da subito mi ha preso molto, l'ho divorato!
Lo consiglio a tutti gli appassionati dei fantasy e non.

Se siete curiosi e non avete letto il mio primo post su questa saga, dove ho anche riportato tutti i titoli che la compongono e la cronologia di lettura, cliccate QUI

domenica 2 marzo 2014

Seguendo il mito di Dracula #2


Ho appena finito un libro che riprende la famosa figura del Conte Dracula, sto parlando di "Il discepolo" di Elizabeth Kostova.
E' un libro che mi ha colpito positivamente e quindi ho pensato di parlarvene.
Ma prima di tutto ecco un piccolo riassunto della trama.

Trama: Una notte, curiosando nella biblioteca del padre, una ragazza fa una strana scoperta: un fascio di vecchie lettere indirizzate "Al mio caro e sfortunato successore". E, accanto alle lettere, un libro ancora più strano, dalle pagine completamente bianche eccetto quelle centrali, raffiguranti un drago e la scritta "Drakulya". Quel libro è la chiave d'accesso a un mistero - e a un orrore - sepolti nelle profondità della storia. Nei secoli, generazioni di studiosi hanno tentato di decifrarne l'enigma e di scoprire la verità sul conte Vlad III detto l'Impalatore, principe nella Valacchia medioevale, paladino della Cristianità contro le orde degli invasori ottomani. Ora tocca alla giovane proseguire la ricerca, nell'intento di scoprire qualcosa del passato della sua famiglia e di salvare chi le sta a cuore...

Mio piccolo commento: Come ho detto, questo libro mi ha colpito abbastanza positivamente, forse soprattutto perché mi aspettavo tutt'altro. Credevo fosse uno dei tanti libri sui vampiri pubblicati sulla scia di Twilight e per questo motivo non ho iniziato a leggerlo appena l'ho comprato, ma l'ho lasciato sullo scaffale a prendere polvere per un bel po'.
Non è il solito libro su vampiri violenti assetati di sangue, su cacciatrici che combattono il male o su ragazzine che rimangono affascinate e si innamorano di tenebrosi vampiri che rinnegano la loro natura.
E' innanzitutto un libro storico: vengono analizzate le vicende storiche dell'est Europa ai tempi di Vlad Tepes, vengono narrate antiche leggende e vengono ripercorsi i luoghi che hanno davvero visto questo malvagio personaggio storico all'opera contro gli invasori turchi. Il sovrannaturale fa da sfondo a tutto ciò, la vera protagonista del libro è la storia.
Sebbene la maggior parte del libro sia quindi un ripercorrere le tappe della vita di Vlad, alias Dracula, non per questo risulta noioso.
Tra leggende, documenti storici e visite ad antichi monasteri e castelli, la storia è piena di misteri e di suspence. Riesce ad essere davvero inquietante senza bisogno di eclatanti scene di lotta o di elementi particolarmente macabri.
Infine, forse il finale poteva essere migliore, ma è comunque ben scritto e coerente con il resto del libro.
Quindi gli do un bel voto di 4/5 e ve lo consiglio!
Si è verificato un errore nel gadget